B&V Broker di Assicurazioni
B&V Broker
Torna indietro

LA STORIA

Era il 1992 quando la società Barbieri Valtellino srl presentava le dimissioni come agente RAS per scommettere sulla strada, all’epoca nascente, del brokeraggio assicurativo.

“Fra 20 anni la RAS esisterà ancora, la vostra società di brokeraggio sicuramente no”, fu il profetico commento di uno dei dirigenti della società che lasciavamo. E invece… eccoci ancora qui, più che maggiorenni, a festeggiare 25 anni di fatiche e successi. 

 

Nel 1993, dopo una dura battaglia commerciale, l’appena nata B&V ottiene la fiducia del 95% dei suoi clienti, convinti dalla sua correttezza e serietà professionale. Inizia l’avventura: B&V diventa davvero operativa. 

Un anno dopo nasce la “Cassa di assistenza per i clienti di B&V” (fra i primi Broker in Italia a costituirne una) con la quale proporre la copertura di spese mediche a condizioni favorevoli e fiscalmente detraibili.

Tra il ’96 e il ’97 la società lavora per ottenere la certificazione di qualità ISO9001:  la ottiene nel 1998. Erano solo in 5 ad averla, ai tempi.

Nel 1998 B&V diventa Coverholder dei LLOYD’S e sottoscrive i primi Binder Infortuni, Incendio, Motor. 

E’ il 2004 quando entrano a far parte della società due nuovi professionisti: Alessandro Sciacca e Gianluigi Barbero. Con loro nasce la sede piemontese di B&V, nel Monferrato. 

Fra il 2005 e il 2010 la società continua a crescere: crea al suo interno un ufficio specializzato in affinity group che sottoscrive, fra l’altro, convenzioni per le auto storiche con i principali club italiani e un accordo con alcuni sindacati di Polizia per la copertura delle spese legali dei propri iscritti.

Nel 2010 aderisce al Network di Willis. Questo le permette di crescere ancora più velocemente nel settore delle PMI  e avere il supporto di un grande Broker Internazionale per gli affari più complessi. E’ recente l’emissione della prima polizza per la consociata cinese di un importante cliente. 

COS'È UN BROKER

Broker significa "mediatore", cioè colui che si interpone fra le parti: privato o azienda e Compagnia di Assicurazioni. L’obiettivo? Quello di valutare la copertura assicurativa migliore per la necessità del singolo cliente.

Nei paesi dove la tradizione assicurativa è più consolidata di quella italiana, accedere al mercato delle assicurazioni tramite il broker è una consuetudine. Dopo un’accurata valutazione del singolo caso, dunque delle specifiche esigenze, il broker propone al cliente la copertura più rispondente alle sue necessità ricercando le migliori condizioni fra le compagnie assicurative.

Il broker opera nell'interesse del cliente. Senza alcun vincolo con le Compagnie. In Italia l'esercizio dell'attività di brokeraggio prevede una figura professionale recepita anche dal Nuovo Codice delle Assicurazioni, che recita :

cit.

... è mediatore di assicurazione, denominato anche broker, chi esercita professionalmente attività rivolta a mettere in diretta relazione con imprese e assicurazioni, alle quali non sia vincolato da impegni di sorta, soggetti che intendano provvedere con la sua collaborazione alla copertura dei rischi, assistendoli nella determinazione del contenuto dei relativi contratti e collaborando eventualmente alla loro gestione ed esecuzione

cit.

Il settore del brokeraggio assicurativo è in costante evoluzione e sta vivendo un momento di crescita anche in Italia. Seppur con un ritardo rispetto ai paesi anglosassoni, oggi circa il 22% dei premi è ormai gestito tramite società di brokeraggio. La percentuale sale al 60% se riferita alle aziende.

Fidarsi può essere vantaggioso.